USO CLINICO DELL’ADULT ATTACHMENT INTERVIEW: UN APPROFONDIMENTO

L’articolo si propone di illustrare come la somministrazione dell’Adult Attachment Interview (AAI) possa agevolare la valutazione del paziente e il processo terapeutico: infatti, la somministrazione di questa intervista può aiutare lo sviluppo dell’alleanza terapeutica, consentendo altresì un’accurata esplorazione delle esperienze evolutive e delle rappresentazioni di attaccamento del paziente. I ricordi d’infanzia sono cruciali per l’approccio al mondo e alle relazioni, in quanto costituiscono il nucleo dei modelli operativi interni, e le domande dell’AAI permettono al paziente di rievocare le memorie delle interazioni con le figure di attaccamento durante l’infanzia, fornendo così un accesso privilegiato ai suoi stati della mente relativi all’attaccamento. Un approfondimento relativo a tre scale dell’AAI (coinvolgimento/ inversione di ruolo: una scala che riguarda le esperienze inferite nella relazione con i genitori durante l’infanzia; svalutazione distanziante: una scala che riguarda uno stato della mente organizzato di tipo insicuro; abuso irrisolto: una scala che riguarda gli stati della mente irrisolti/disorganizzati) e l’analisi di alcuni brani estrapolati da trascritti dell’intervista illustrano l’utilità di questo strumento nella pratica clinica.[:]

Phone: 06.80.72.063
Fax: 06.86.70.37.20
00197 Roma
Via Archimede, 179

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile e non utilizza cookie di terze parti. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi